Bruno Vespa


Bruno Vespa (L’Aquila, 1944) ha cominciato il suo lavoro di giornalista a 16 anni.

Laureatosi in Legge con una tesi sul diritto di cronaca, ha vinto il concorso per entrare in Rai classificandosi al primo posto. Dal 1990 al 1993 ha diretto il Tg1. Dal 1996, la sua trasmissione “Porta a porta” è il programma di politica, attualità e costume più seguito. Tra i premi più prestigiosi ha vinto il Bancarella (2004), per due volte il Saint-Vincent per la televisione (1979 e 2000) e nel 2011 quello alla carriera, anno in cui ha vinto il premio Estense per il giornalismo. Tra i suoi ultimi volumi pubblicati, ricordiamo: Storia d’Italia da Mussolini a Berlusconi, Vincitori e vinti, L’Italia spezzata, L’amore e il potere, Viaggio in un’Italia diversa, Donne di cuori, Il cuore e la spada, Questo amore, Il Palazzo e la piazza, Sale, zucchero e caffè, Italiani voltagabbana, Donne d’Italia, C’eravamo tanto amati, Soli al comando e Rivoluzione.

 

Bruno Vespa (L’Aquila 1944) ha cominciato a sedici anni il mestiere di giornalista nella sua città e a diciotto le collaborazioni con la Rai. Dopo la laurea in giurisprudenza (con una tesi sul diritto di cronaca) , nel 1968 si è classificato al primo posto in un concorso nazionale per radiotelecronisti ed è stato assegnato al telegiornale. Dal 1990 al 1993 ha diretto il Tg1. dal 1996 la sua trasmissione «Porta a porta» è il programma di politica, attualità e costume più seguito. Per la prima volta nella storia, ci è intervenuto un papa, Giovanni Paolo II, con una telefonata in diretta. Due presidenti della Repubblica – Pertini nel 1979, Ciampi nel 2000 – gli hanno consegnato il Premio Saint-Vincent  per la televisione. Ha scritto: E anche Leone votò Pertini (Cappelli 1978),  Interviste sul socialismo in Europa (Laterza 1980) e, per Mondadori , Telecamera con vista (1993), Il cambio (1994),  Il duello (1995),  La svolta (1996),  La sfida (1997),  La corsa (1998), Dieci anni che hanno sconvolto l’Italia. 1989-2000 (1999), Scontro finale (2000), La scossa (2001), Rai, la grande guerra (2002), Il Cavaliere e il Professore (2003, Premio Bancarella 2004), Storia d’Italia da Mussolini a Berlusconi (2004), Vincitori e vinti (2005), L’Italia spezzata (2006), L’amore e il potere (2007), Viaggio in un’Italia diversa (2008), Donne di cuori (2009).