ZONE 04. LE TV INVISIBILI

Storia ed economia del settore televisivo locale in Italia - a cura

di Flavia Barca 


Un “settore per sottrazione”. Ecco come Flavia Barca, curatrice di questo volume, definisce il segmento dell’emittenza locale in Italia a partire da un’analisi della sua storia e della sua situazione odierna. Nate come risposta al monopolio di Stato, e proliferate in un ambiente caratterizzato dalla mancanza di regole, le televisioni locali hanno costituito di fatto il nocciolo originario da cui ha preso le mosse la televisione commerciale nazionale nel nostro Paese, un settore che è cresciuto rapidamente negli anni Ottanta, sottraendo altrettanto rapidamente risorse e pubblico ai soggetti che hanno continuato a operare in ambito locale. Il presente volume tenta di offrire una lettura multidisciplinare dell’emittenza locale in Italia,partendo da una rassegna storica del fenomeno, fino ad arrivare a un’analisi economica del settore che racconta di un’area affollata e costituita da poche imprese di grandi dimensioni con ambientazioni ultra-regionali se non nazionali, da soggetti piccoli e piccolissimi. La tesi centrale del volume riguarda proprio questo. Cos’ è che mantiene in attività centinaia di emittenti locali, molte delle quali in perdita? Flavia Barca sostiene e argomenta con efficacia la tesi della centralità del controllo delle frequenze, che per la maggior parte degli editori locali rappresentano un asset imperituro, di crescente valore nel corso degli anni e assolutamente strategico nella prospettiva del passaggio al digitale terrestre, ancorché al centro di ampie battaglie politiche. Questo risulta evidente nella parte conclusiva del volume, nella quale la curatrice riflette sulle prospettive di questo settore, stimolato da un lato da nuovi percorsi di politica industriale e dall’altro sempre alla ricerca di un complesso equilibrio tra la mano del mercato e la mano dello Stato.

di

Un “settore per sottrazione”. Ecco come Flavia Barca, curatrice di questo volume, definisce il segmento dell’emittenza locale in Italia a partire da un’analisi della sua storia e della sua situazione odierna. Nate come risposta al monopolio di Stato, e proliferate in un ambiente caratterizzato dalla mancanza di regole, le televisioni locali hanno costituito di fatto il nocciolo originario da cui ha preso le mosse la televisione commerciale nazionale nel nostro Paese, un settore che è cresciuto rapidamente negli anni Ottanta, sottraendo altrettanto rapidamente risorse e pubblico ai soggetti che hanno continuato a operare in ambito locale. Il presente volume tenta di offrire una lettura multidisciplinare dell’emittenza locale in Italia,partendo da una rassegna storica del fenomeno, fino ad arrivare a un’analisi economica del settore che racconta di un’area affollata e costituita da poche imprese di grandi dimensioni con ambientazioni ultra-regionali se non nazionali, da soggetti piccoli e piccolissimi. La tesi centrale del volume riguarda proprio questo. Cos’ è che mantiene in attività centinaia di emittenti locali, molte delle quali in perdita? Flavia Barca sostiene e argomenta con efficacia la tesi della centralità del controllo delle frequenze, che per la maggior parte degli editori locali rappresentano un asset imperituro, di crescente valore nel corso degli anni e assolutamente strategico nella prospettiva del passaggio al digitale terrestre, ancorché al centro di ampie battaglie politiche. Questo risulta evidente nella parte conclusiva del volume, nella quale la curatrice riflette sulle prospettive di questo settore, stimolato da un lato da nuovi percorsi di politica industriale e dall’altro sempre alla ricerca di un complesso equilibrio tra la mano del mercato e la mano dello Stato.

Disponibile in

Brossura

Genere Zone – Collana di studi e ricerche sui media
Edizione 2007
Listino € € 22,00
  • Disponibile
  • Acquista

Brossura

eBook