Una ricetta per l’Italia

I politici italiani svelano le loro ricette preferite

di Diego Giuliani 


Durante l’estate del 2009, Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro- ribattezzati da Francesco Cossiga (alias DjK) Carciofo e Cipolla – vanno in onda su Radio2 con Un giorno da pecora, “un talk show senza livrea, non paludato, dal ritmo incessante, senza regole, senza riverenza, senza timore2, che ospita uomini politici, capitani di industria, star televisive e insospettabili e stravaganti opinionisti. Per mettere fine alla “crisi di fame” del Paese pensano bene di utilizzare come sigla finale del programma una ricetta. Una ricetta vera, proposta da cinquanta politici italiani, che tutte le sere intorno alle 19.30 danno il loro consiglio culinario agli ascoltatori parlando dei loro piatti preferiti. alcuni, come Mastella e Tabacchi, chiedono aiuto alle mamme, alle mogli e alle segretarie. Pecorario Scanio sceglie solo prodotti dop, Borghezio e Cota consigliano ricette padane. C’è anche chi trova il tempo durante una seduta del Parlamento, come la Mussolini e La Russa. Mercedes Bresso sceglie una ricetta anticrisi con ingredienti poco costosi. I soliti comunisti si fanno notare: Marco Rizzo con il suo “risotto per una sinistra popolare”, Ermete Realacci con gli “spaghetti alla margherita”. A loro risponde Daniela Santanchè con la “pasta tricolore”.

di

Durante l’estate del 2009, Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro- ribattezzati da Francesco Cossiga (alias DjK) Carciofo e Cipolla – vanno in onda su Radio2 con Un giorno da pecora, “un talk show senza livrea, non paludato, dal ritmo incessante, senza regole, senza riverenza, senza timore2, che ospita uomini politici, capitani di industria, star televisive e insospettabili e stravaganti opinionisti. Per mettere fine alla “crisi di fame” del Paese pensano bene di utilizzare come sigla finale del programma una ricetta. Una ricetta vera, proposta da cinquanta politici italiani, che tutte le sere intorno alle 19.30 danno il loro consiglio culinario agli ascoltatori parlando dei loro piatti preferiti. alcuni, come Mastella e Tabacchi, chiedono aiuto alle mamme, alle mogli e alle segretarie. Pecorario Scanio sceglie solo prodotti dop, Borghezio e Cota consigliano ricette padane. C’è anche chi trova il tempo durante una seduta del Parlamento, come la Mussolini e La Russa. Mercedes Bresso sceglie una ricetta anticrisi con ingredienti poco costosi. I soliti comunisti si fanno notare: Marco Rizzo con il suo “risotto per una sinistra popolare”, Ermete Realacci con gli “spaghetti alla margherita”. A loro risponde Daniela Santanchè con la “pasta tricolore”.

Disponibile in

Brossura

Genere Coedizioni
Edizione 2010
Listino € 11,90
  • Disponibile
  • Acquista

Brossura

eBook